Estate in Val di Fiemme: la montagna dei bambini

Vacanze estive in montagna con i bambini: la Val di Fiemme, in Trentino è imperdibile per le tante attività per le famiglie. In questo post vi racconto cosa potete fare tra le sue splendide montagne.

L’offerta turistica per le famiglie è da sempre molto ampia in Trentino Alto Adige, la regione italiana family-friendly per eccellenza. In ogni località montana è possibile trovare attività e attrazioni su misura per bambini di ogni età e in tutte le stagioni. Una zona del Trentino che mi ha particolarmente colpita per la sua impronta family-friendly è la Val di Fiemme.

Oltre ad essere una bellissima valle, circondata da montagne meravigliose dove praticare il trekking in estate e lo sci in inverno, in Val di Fiemme avrete l’imbarazzo della scelta tra le tante attività offerte.

img_5647

I centri principali sono Cavalese e Predazzo, due bei paesi di montagna che d’estate accolgono tanti turisti. Noi abbiamo soggiornato a Tesero, un paese piccolo e tranquillo posto tatticamente a metà strada tra i due. Ma ciascun paese della valle è perfetto per le vacanze.

Cosa fare in Val di Fiemme con i bambini

Si può camminare in quota, in uno dei tanti sentieri accessibili anche ai passeggini, oppure si può fare una pedalata sulla Pista ciclabile delle Dolomiti che collega la Val di Fiemme alla vicina Val di Fassa.

In ogni rifugio o malga c’è sempre un parco giochi, dove i bambini possono giocare, mentre i genitori si riposano al sole gustando qualche specialità locale. Sono rimasta davvero colpita nel trovare così tanti parchi giochi, anche in alta montagna: la giusta ricompensa per i bimbi dopo una lunga passeggiata.

img_5847

I ragazzi più avventurosi possono cimentarsi in un’emozionante discesa con i gommoni del rafting lungo il torrente Avisio.

Nei giorni di pioggia ci si può rifugiare in un museo, perché ci sono anche i musei in Val di Fiemme! Noi abbiamo visitato il Museo Geologico delle Dolomiti a Predazzo, sede distaccata del Muse di Trento, dove si può scoprire l’origine delle Dolomiti e osservare da vicino fossili e minerali. E’ stata una tappa irrinunciabile per Cipollo, grande amante dei minerali.

E’ proprio vero che la Val di Fiemme è il Paradiso delle famiglie e, cosa non da poco, tutto questo è praticamente gratis, dietro il solo pagamento della tassa di soggiorno.

FiemmE-Motion Card: la Val di Fiemme gratuita

A tutti gli ospiti che soggiornano in Val di Fiemme viene consegnata la tessera Fiemme-Motion al costo di 2 euro al giorno sopra i 14 anni, il costo della tassa di soggiorno. Per chi soggiorna in appartamenti privati, il costo della tassa di soggiorno è di 0, 70 euro e si ha solo la Trentino Guest Card, senza impianti e mobilità.

Cosa offre la FiemmE-Motion card?

  • Mezzi di trasporto gratis. Si possono prendere trenini, bus e navette tutte le volte che si vuole e dimenticare così l’auto per l’intera vacanza.
  • Per chi soggiorna negli hotel convenzionati, tra cui il Rio Stava a Tesero (trovate la mia recensione qui), anche tutti gli impianti di risalita sono gratis, un gran risparmio davvero.
  • Attività per famiglie ed escursioni giornaliere gratuite così come gli ingressi a tanti musei, ad esempio il Muse di Trento (il nostro racconto), il Museo Geologico delle Dolomiti di Predazzo, il Mart di Rovereto, il Palazzo della Magnifica Comunità di Cavalese e i Castelli del Trentino. Leggete il programma settimanale delle attività per i bambini, è davvero incredibile!

img_5858

Val di Fiemme con i bambini: i nostri must-see

Cermislandia

L’Alpe del Cermis si raggiunge da Cavalese con la cabinovia, che parte direttamente dal paese e arriva alla località Fondovalle ai Masi di Cavalese. Per chi invece arriva dalle altre zone della valle il punto di partenza è proprio a Fondovalle, dove c’è un grande parcheggio gratuito. Qui si prende la prima cabinovia fino a Doss dei Laresi a 1280 metri.

img_5656

Ed eccoci subito ad un primo bellissimo parco giochi all’aperto: il Cermislandia. Correre, arrampicarsi, saltare, giocare con l’acqua. Un paradiso per i bambini, circondati dal paesaggio delle Dolomiti. Ogni giorno d’estate vengono organizzate attività, alcune a pagamento, che coinvolgono grandi e piccini. La scuola di teatro, in cui ogni bambino inventerà una storia sulle leggende delle Dolomiti e tutti insieme metteranno su uno spettacolo. Il mercoledì si fa il pane, si macina il grano, si impasta, si inforna e poi tutti insieme si fa merenda con pane e marmellata. La settimana si conclude con una bella caccia al tesoro nei boschi. Potete trovare tutte le attività di Cermislandia qui.

img_5679

img_5626
Cermislandia

Prendendo la seconda cabinovia si arriva ai 2000 metri del Cermis, e da qui con una seggiovia quattro posti non potete perdere la spettacolare vista dal Paion del Cermis, a 2250 metri. Appena scesi dalla seggiovia i bambini rimarranno sorpresi nel trovare una piccola fattoria in cima alla montagna. Cavalli, caprette, oche, galline  e coniglietti aspettano solo di essere accarezzati dai bimbi.

picmonkey-image

Non perdetevi la piattaforma panoramica a 360° da cui potete ammirare il Lagorai e le Dolomiti con il Latemar, la Marmolada, le Pale di San Martino per nominare le vette più famose. Da qui chi vuole può percorrere un bel sentiero fino ai Laghi di Bombasel. Non è un percorso molto impegnativo ma è consigliabile con bambini di almeno 8 anni e a cui piaccia camminare.

Considerate di passere una giornata intera sul Cermis.

Latemar MontagnAnimata

Descrivere il Latemar MontagnAnimata non è facile. Non solo un parco giochi in quota, non solo attività per le famiglie, non solo sentieri studiati per i bambini, non solo divertimento adrenalinico sull’Alpine Coaster. Latemar MontagnAnimata è una nuova esperienza di montagna con i bambini. Un luogo dove divertirsi ma anche sperimentare, imparare, conoscere, amare la natura.

Da Predazzo si raggiunge Gardoné con la cabinovia e da qui avrete l’imbarazzo della scelta tra le tante cose da fare. Noi siamo venuti quassù due volte durante la nostra vacanza. Non potete perdervelo.

Vi parlerò della nostra esperienza al Latemar MontagnAnimata in un prossimo post.

Alpe di Lusia

L’Alpe di Lusia si trova tra la Val di Fassa e la Val di Fiemme ed è raggiungibile da entrambe le valli.

Superando Predazzo si raggiunge il paese di Bellamonte e poi la località Castellir, dove il Kindergaten La Tana degli Gnomi propone attività e laboratori per bambini. Da tenere in considerazione nei giorni di pioggia.

Si prende la seggiovia quadriposto fino ai 1750 metri della località Fassane. La sosta è d’obbligo perché qui c’è Giro d’Ali, un parco giochi sull’acqua davvero incredibile.

picmonkey-image4
Giro d’Ali

Si tratta di un percorso ad anello alla scoperta della natura e della montagna, con giochi d’acqua, ponticelli, cascate, zattere e stazioni interattive. I bambini possono muoversi in libertà e anche con i passeggini si può camminare tranquillamente. Tra una postazione e l’altra, enormi panchine-sdraio invitano a rilassarsi un po’.

Prendendo una seconda seggiovia si arriva a La Morea a 1970 metri, da cui parte un bel sentiero ad anello, leggermente in salita nel primo tratto, fino ad arrivare al Passo Lusia a 2055 metri. La vista da qui è meravigliosa: il gruppo del Sella e la Marmolada sono di fronte a noi. Si può fare sosta al rifugio Lusia o proseguire in discesa fino al Rifugio Ciamp de le Strie, un ristorante dove le streghe sono le protagoniste. I bagni si raggiungono con uno scivolo, non perdeteveli! In più all’esterno c’è l’immancabile parco giochi.

picmonkey-image2
Ciamp de le Strie

Come vi dicevo, l’Alpe Lusia si raggiunge anche da Moena in Val di Fassa, superando Predazzo verso sinistra. Da questo lato si prende la telecabina dalla località Ronchi con una prima sosta in Valbona. Qui siamo in Val di Fassa, quindi gli impianti di risalita non sono compresi nella FiemmE Card, ma questa zona merita sicuramente di essere visitata non essendo lontana da qui

Al Rifugio Valbona vi aspetta un ristorante ma soprattutto un bellissimo parco giochi all’aperto e un minizoo.

Prendendo la seconda telecabina si arriva al bel terrazzo panoramico a Le Cune, 2380 metri, con vista sulle montagne circostanti e sulle valli Fassa e Fiemme. Da qui partono il sentiero degli Animali e il sentiero Natura, in cui i bambini attraverso il gioco possono conoscere la montagna e i suoi abitanti. Noi abbiamo fatto il Sentiero degli Animali e ci è piaciuto un sacco.

Potete leggere il racconto della nostra vacanza a Moena e dell’Alpe di Lusia in questo mio post.

Alpe di Pampeago

Dal paese di Tesero, proseguendo in salita si arriva all’Alpe di Pampeago da cui è possibile fare belle escursioni nel bosco. Si può anche prendere la seggiovia che porta in uno dei posti più belli della zona: il Latemar.

img_5742

Incontri all'Alpe di Pampeago
Incontri all’Alpe di Pampeago

All’arrivo della seggiovia di Pampeago si trovano le malghe Garnisher Alm e Ziseng, ottime basi di partenza per le escursioni. Verso sinistra con una bella passeggiata non impegnativa e pressoché pianeggiante si arriva alle Malghe di Obereggen, dove eravamo stati durante la nostra vacanza in Val d’Ega (qui il mio racconto).

Sulla destra lungo un sentiero in salita si arriva al Passo Feudo, a 2200 metri, con il Rifugio Feudo. Da qui parte il sentiero geologico del Dos Capel, uno dei sentieri proposti da Latemar MontagnAnimata. Peccato che il giorno della nostra gita da queste parti il tempo fosse pessimo. La nebbia fitta e il freddo pungente (nonostante fosse metà agosto) ci hanno fatto rinunciare all’escursione. Eravamo davvero curiosi di trovare i fossili di pesci e alghe, testimonianza che le Dolomiti erano sommerse da un mare tropicale centinaia di milioni di anni fa.

Proseguendo in discesa si arriva a Gardonè, campo base della MontagnAnimata, che è tuttavia raggiungibile comodamente in cabinovia anche da Predazzo.

Parco Naturale di Paneveggio e Pale di San Martino

Un’altra gita assolutamente da non mancare in Val di Fiemme è al Parco Naturale di Paneveggio-Pale di San Martino. La natura incontaminata e lo scenario delle più belle montagne delle Dolomiti valgono da soli il viaggio.

Il Parco si raggiunge superando Predazzo e Bellamonte. Si lascia l’auto al Centro Visitatori di Paneveggio, da visitare per conoscere gli animali che vivono in zona e scoprire la storia della Foresta dei Violini. Il legno degli abeti rossi di questi boschi è di una qualità molto speciale e da sempre è stato usato dai liutai di tutto il mondo.

picmonkey-image

Dal Centro Visitatori partono diverse escursioni nei boschi. Noi abbiamo fatto la breve passeggiata in piano adatta a tutti, che porta al recinto dei cervi. Armati di molta pazienza e in rigoroso silenzio si aspetta l’arrivo di stupendi esemplari di cervi che vengono a riposarsi nei prati. I Cipolli erano entusiasti.

Passo Lavazè e Malga Ora

img_5831
Passo Lavazè

A circa una mezz’ora d’auto da Cavalese si arriva nella splendida cornice del Passo Lavazè, a 1805 metri, che collega la Val di Fiemme alla Val d’Ega. Lasciata l’auto, vi consiglio la passeggiata di un’ora verso Malga Ora, circondati dai boschi e dai prati di un verde incredibilmente brillante. Alla Malga si può pranzare e prendere parte alle tante attività organizzate per i bambini. Noi abbiamo fatto il burro, munto le mucche, cavalcato i pony e giocato con tanti animali. Questa escursione con le attività complete era organizzata dal nostro Hotel Rio Stava, nel programma settimanale della FiemmE-Motion Card è prevista la mungitura e la merenda per i bambini.

picmonkey-image3
Malga Ora

Mi auguro di avervi fatto venire la voglia di esplorare la bellissima Val di Fiemme (e se siete arrivati fin qui penso di sì). Noi speriamo di tornarci presto.

Share if you like it

Un pensiero su “Estate in Val di Fiemme: la montagna dei bambini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *